Menu - Istituto Comprensivo di Bernareggio

Home Page
via Europa n. 2
20881 Bernareggio (MB)
tel.0399452160-fax.0396901597
cod. Istituto MIIC8B100C
C.F.94030900156
Infanzia: MIAA8B1019
Villanova: MIEE8B102G
Aicurzio: MIEE8B103L
Oberdan: MIEE8B101E
Sec. I gr.: MIMM8B101D

Statistiche: Statistiche
  -  
Indice Progetti
Comuni
Continuità
infanzia-primaria
Continuità
primaria -sec.1° grado
Secondaria 1° grado
Ambiente
I.S.I.
E.C.D.L.
Intercultura
K.E.T.
Organismo
Partecipativo.
Software Libero
Teatro
Scienze U18
Madrelingua
Mostra astronomica
ISTITUTO COMPRENSIVO BERNAREGGIO

 

 

Scienze Under 18

 

 

SU18: Misconcezioni e geometria - percorsi di ricerca-azione in didattica della matematica

 

  • esploriamo lo spazio con Cabri �: fare geometria in modo interattivo
  • �la bottega dei Robot �: costruire piccoli automi che reagiscono con l�ambiente

 

 

Responsabile progetto

 

- Bellani Vincenza (scuola primaria)

- Riva Luisella (scuola secondaria di primo grado)

 

 

Obiettivi

 

Il progetto riguarda l�insegnamento matematico, scientifico-tecnologico e le nuove tecnologie al fine di favorire la crescita complessiva della cultura scientifica e tecnologica, attraverso l�interazione tra studio delle conoscenze e attività pratico-sperimentali.

Il curricolo di matematica, scienze e tecnologia, in uno scambio vicendevole di modelli e macchine è il campo laboratoriale entro il quale si attuano percorsi di classe e in continuità.

 

 

Finalità

 

§ promuovere la cultura laboratoriale nell�area scientifico-tecnologica (scuola dell�Infanzia e scuola del primo ciclo)

§ intrecciare i reticoli concettuali, le competenze, gli obiettivi della matematica e quelli delle scienze tecnologiche in un rapporto di parallelismo, di intersezione, di prestito reciproco

§ creare scambi e quindi continuità tra saperi scientifici e tecnologici

§   utllizzare materiali e software dinamici come strumenti mediatori nella progettazione e realizzazione di ambienti di insegnamento/apprendimento. L�uso di materiali legati al gioco e facili da manipolare sono la strada �didattica� per coniugare scienza, tecnologia e cultura umanistica, educazione e formazione, teoria e laboratorio, doveri e motivazione, studio individuale e studio cooperativo.

 

 

Obiettivi specifici

 

§   fare matematica e scienze-tecnologia� in un ambiente cognitivo che dà ampio spazio all�azione del ragazzo e alla comprensione profonda, �imparare � divertendosi�

§   costruire condizioni di apprendimento contestuale e problematico

§   utilizzando l�operatività, stimolare la capacità di analisi, la capacità organizzativa e la capacità di comunicare

§   far acquisire metodi per risolvere problemi e stimolare il gusto di realizzare i propri progetti, frutto della fantasia e della razionalità insieme

stimolare nei bambini e nei ragazzi l�atteggiamento indagatore favorendone la creatività, la progettazione e l�invenzione.

 

 

Metodologia

 

I percorsi

- scelgono una didattica laboratoriale che ben risponde alla proposte di

��una presentazione non statica delle figure, che ne renda evidenti le proprietà nell�atto del loro modificarsi; sarà anche opportuno utilizzare materiale e ricorrere al disegno. La geometria non sarà limitata a considerazioni su singole figure, ma dovrà altresì educare alla visione spaziale. �� (dai programmi Scuola Media 1979),

e di �una graduale acquisizione delle capacità di orientamento�progressiva organizzazione dello spazio�studio e realizzazione di modelli�contesti esperenziali e problematici� pluralità di sollecitazioni che provengono dalla percezione della realtà fisica� attività geometrica ricca e variata��(dai programmi Scuola Elementare,1985)

- utilizzano come strategia didattica ambienti informatici, che coinvolgendo l�allievo, come diretto costruttore di strutture, gli permettono di apprendere operando

 

Gioco-studio: imparare divertendosi, braccio - mente: recuperare la manualità, meccanico-arte: funzionalità e bellezza sono gli obiettivi metodologici che sottendono il processo di insegnamento/apprendimento del progetto permettendo di sviluppare attività pratico-sperimentali originali all�interno di un percorso interdisciplinare di classe e in continuità fra i tre ordini di scuola,

 

Le attività puntano su un lavoro collaborativo: la cooperazione in piccoli gruppi di classe o in piccoli gruppi di interclasse sono momenti operativi durante i quali gli allievi �più grandi� fanno da tutor agli allievi �più piccoli�.

 

 

Durata

 

Tempi: durata annuale

 

 

Destinatari:

gli alunni della scuola primaria e secondaria dell�Istituto

Fasi operative

Il progetto nel riproporre alcune tappe del progetto Set (a.s 2002-03) e del progetto Est (a.s. 2004-05), �i percorsi della robotica e delle nuove tecnologie�, si arricchisce in questo anno scolastico di nuovi proposte innovative relative alle� misconcezioni in geometria�.

I percorsi disciplinari (curricolo in verticale) sono la ricaduta didattica dopo una attività di formazione sostenuta dai docenti dei tre ordini di scuola (rete territoriale IC di Sovico) e condotta da esperti del NRD dell�Università di Bologna.

 

 

Risorse umane

 

Risorse interne

- docenti scuola dell�Infanzia

-   docenti area matematico-scientifico-tecnologica

o       Scuola primaria/classi quinte

o       Sc. Secondaria - classi 1 A -2D

 

Risorse esterne

- Nucleo di ricerca didattica della matematica Università di Bologna

Consulenti: prof Bruno D�Amore - prof Silvia Sbaragli

 

 

Beni e servizi

 

Acquisti

§ Software Cabri Geometre II Plus + Cabri 3D (licenza site)

§ materiale di consumo specifico per i laboratori (carta, cartoncini, fotocopie,cd�)

Risorse logistiche ed organizzative

Comunicazione del percorso - partecipazione delle classi a Scienza U18- Monza, maggio 2008

§ allestimento exhibit (cartelloni, CD, dischetti, fotocopie, altro materiale di consumo �)

§ pullman - trasporto alunni a Monza, sede della manifestazione