Menu - Istituto Comprensivo di Bernareggio

Home Page
via Europa n. 2
20881 Bernareggio (MB)
tel.0399452160-fax.0396901597
cod. Istituto MIIC8B100C
C.F.94030900156
Infanzia: MIAA8B1019
Villanova: MIEE8B102G
Aicurzio: MIEE8B103L
Oberdan: MIEE8B101E
Sec. I gr.: MIMM8B101D

Statistiche: Statistiche
  -  
Scuola Infanzia
dove si trova
docenti
strutture
orario
sezioni
risorse
spazi
la classe
metodo
progetti
scuola-famiglia
info utili
Scarica l'estratto POF in pdf. Mb 1,53

LA CLASSE

 

E’ il punto di riferimento per bambini, genitori e docenti, è uno spazio fisico e affettivo, perché ricco di relazioni. In classe si fanno attività organizzate (il cerchio, il calendario, l’appello), si raccontano le storie, si gioca, si canta, si mima…. Le classi vengono utilizzate per le attività inerenti ai progetti…e gli spazi gioco durante il gioco libero.

 

Perché abbiamo privilegiato le classi omogenee

 

Per rispondere meglio ai bisogni, ai tempi, agli obiettivi specifici di ciascuna età. I docenti di ogni classe sono in compresenza dalle ore 11 alle ore 13, ciò consente di realizzare:

  • Attività con gruppi di bambini più piccoli rispetto al gruppo classe
  • Attività d’intersezione per gruppi omogenee d’età ed eterogenei per classe
  • Laboratori specifici
  • Attività di recupero e potenziamento per piccolo gruppo
  • Essere in compresenza durante il pranzo

 

L’intervento educativo-didattico è, in questo modo, più specifico e individualizzato; le relazioni adulto-bambino e bambino-bambino sono più positive rispetto agli interventi, al dialogo, allo scambio e al confronto; anche gli spazi e i materiali possono essere utilizzati in modo più funzionale e produttivo.

Sono previsti spazi comuni in cui le tre età presenti a scuola condividano esperienze…feste, gite, scenette presentate dai docenti, gioco libero nei saloni e in giardino.

 

ATTIVITA’ D’INTERSEZIONE

 

Vengono svolte con gruppi di bambini/e della stessa età, di classi diverse, i gruppi si formano in base al numero totale, vengono formati gruppi eterogenei per competenze di base ed un’equa divisione tra maschi e femmine.

Nella scuola ci sono bambini stranieri e per loro la scuola predispone percorsi didattici per favorirne l’integrazione e, a tal fine, coinvolge tutti i suoi operatori, le famiglie e il territorio.